CHI SIAMO
IMPRESE
SERVIZI
NOVITÀ
CONTATTI
HOME > News > Previsioni per il terzo trimestre 2022

Analisi e studi - News - 13/07/2022

Previsioni per il terzo trimestre 2022

Il commento del vice presidente Paolo Barberis Canonico

 

L’indagine congiunturale realizzata da Unione Industriale Biellese rispetto alle previsioni degli imprenditori sul terzo trimestre 2022 indica un generale rallentamento rispetto ai periodi precedenti ma si intravede una maggiore vivacità sui mercati esteri.

Il saldo fra pessimisti e ottimisti sulle previsioni degli imprenditori dell'industria manifatturiera e del terziario per il terzo trimestre dell'anno è positivo per quanto riguarda l'occupazione (15,3%), la produzione totale (3,6%) e gli ordini dall'estero (3,1%) mentre è stazionaria per gli ordini totali (0) e scende in area negativa sul fronte della redditività (-2,2%).

 

Il commento del vice presidente

A commentare l’indagine è Paolo Barberis Canonico, vice presidente Uib con delega all’Economia di Impresa, Sviluppo delle Filiere e Sostenibilità: “Le previsioni degli imprenditori per il terzo trimestre dell'anno risentono, ancora una volta, dell'alta instabilità a tutti i livelli, mettendo in evidenza una maggior prudenza rispetto all'inizio dell'anno. Anche in questa ennesima difficile stagione, le imprese continuano a dimostrare la loro solidità e la capacità di agganciare la ripresa a livello internazionale. Restano, però, tanti nodi da sciogliere: una situazione intricata, che gli imprenditori non possono affrontare da soli. Penso alla crisi energetica, ai rincari e alla difficoltà di approvvigionamento delle materie prime, all'inflazione, alla difficoltà di reperire personale adeguatamente qualificato: tutti capitoli complessi e di difficile soluzione, che incidono pesantemente sulla redditività delle imprese quindi, di conseguenza, sulla capacità di investimento futuro. Ci sono i Fondi Strutturali europei 2021-27 ma dovremo attendere la metà del 2023 per poter beneficare dei bandi che saranno attivati per le imprese da parte della Regione Piemonte. Servono interventi seri, concreti e strutturali di politica industriale. E servono subito".

 

Desideri ricevere le nostre notizie?
 

Siti partner:

Do not follow or index